Categorie
Arte Curiosità varie I tesori di Milano Libri Poesia Società

Milano – Targa commemorativa dove nacque Carlo Emilio Gadda

A Milano, per chi sa guardare, si può incontrare la targa commemorativa per ricordare il luogo in cui nacque il grande scrittore Carlo Emilio Gadda.  L’autore de “L’Adalgisa”, de “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana” e de “La cognizione del dolore”, nacque a un tiro di schioppo dalla casa di Alessandro Manzoni, che egli amava profondamente. Come riporta Pietro Citati nella prefazione de “Quer pasticciaccio”, sembra che Gadda avesse letto “I promessi sposi” per ben dieci volte, tra i nove e i sedici anni. Lo stesso Citati, allora giovane letterato, frequentò Gadda, nella sua casa di Roma, negli ultimi anni della sua vita. Negli ultimi tempi, Gadda amava che gli si leggesse “I promessi sposi”. Molto malato, bloccato ormai a letto, Citati e altre due persone si alternavano al suo capezzale per leggergli il suo amato libro. E quella fu anche l’ultima volta in cui lo si vide ridere, il giorno prima che ci lasciasse: “Allora pensai che la letteratura è davvero una cosa bellissima, se conserva la vita come la vita non riesce a conservarsi, e se fa ridere di gioia in punto di morte”, come scrive Pietro Citati.  

 

A030D9E6-F0F0-4FA0-A8C5-1698AED0818B

Categorie
Ambiente Arte Curiosità varie Economia Geopolitica Libri Politica Società Storia

Elisabetta Bini – La potente benzina italiana

Guerra fredda e consumi di massa tra Italia, Stati Uniti e Terzo Mondo (1945-1973)

Rigorosa ricostruzione storica degli avvenimenti che portarono alla nascita dell’ENI, nel 1953, e dei rapporti di forza che s’instaurarono tra l’Italia e gli Usa, da un lato, e i produttori di petrolio e gas, dall’altro. Elisabetta Bini segue passo passo le azioni di Enrico Mattei, prima come liquidatore dell’Agip (che non liquidò affatto) e poi come fondatore e deus ex machina dell’intero comparto energetico italiano fino alla sua morte, avvenuta, come sappiamo, per un attentato nel 1962, quando l’aereo su cui viaggiava cadde a Bascapè, alle porte di Milano. La presenza di Mattei, come è naturale che sia, è fortemente presente per quasi tutto il libro: come fondatore dell’ENI, come manager capace di stringere rapporti proficui e duraturi con i Paesi produttori di petrolio (soprattutto Iran, URSS, Marocco, Libia, Algeria), come patriota e convinto assertore dell’indipendenza energetica dell’Italia rispetto agli Usa, come uomo capace di ricontrattare i trattati, a vantaggio dei Paesi produttori, e di portare nelle loro casse il 75% dei profitti invece del 50%, come invece fino ad allora il mercato petrolifero internazionale concedeva nei loro accordi; e infine come ideatore della rivista interna chiamata Il Gatto selvatico (1955-1965), a cui collaborarono scrittori e poeti del calibro di Eugenio Montale, Carlo Emilio Gadda, Giuseppe Ungaretti, Natalia Ginzburg, ecc. Anche nel campo della cinematografia l’azienda non si fece mancare nulla. Infatti in quegli anni, per realizzare i svariati documentari dell’operato dell’ENI, soprattutto nel Mezzogiorno, ma anche in Africa e in Medio Oriente, furono chiamati registi come Giuseppe Bertolucci, Gilbert Bovay, Paolo e Vittorio Taviani. 4132A020-5DE2-4342-8E18-0A02E2C0D9A0

Molto suggestivo e approfondito è il capitolo dedicato alla guerra e all’evoluzione delle locandine pubblicitarie, prima prendendo in esame quelle dell’Agip (azienda statale nata nel 1926) fino al 1945, e poi dell’ENI e il confronto di significati e prospettive con la pubblicità del più agguerrito e diretto competitore dell’ESSO in Italia. Così come ampio spazio viene dato alla raffineria petrolchimica costruita a Gela (1960) dall’ENI e ai rapporti tra gli abitanti e i politici del luogo, che speravano in una crescita esponenziale dell’occupazione, e i dirigenti dell’azienda energetica. Il rapporto fu costellato da conflitti e incomprensioni, ma anche da piccoli spiragli di luce e di occupazione. Molta importanza ebbe la scuola interna, si potrebbe oggi chiamare un master post universitario, che l’ENI istituì nel 1957 e che chiamò Scuola di studi superiori sugli idrocarburi. La scuola fu voluta fortemente dal vicepresidente dell’ENI Marcello Boldrini (vicepresidente fino al 1962 e poi presidente fino al 1967), economista e accademico di fama mondiale. La scuola ebbe un’importanza strategica per formare le classi dirigenti dei paesi con i quali l’ENI firmava accordi, per riportare le testuali parole dell’autrice. L’idea di fondo fu quella di legare i giovani di quei Paesi con l’ENI e di conseguenza con l’Italia. Furono chiamati a insegnare professori stranieri di fama mondiale, furono invitati intellettuali e poeti nei dibattiti sulla modernizzazione, permettendo alla scuola di divenire uno strumento di diplomazia culturale nei confronti del Terzo mondo. Questa politica sul lungo termine ha pagato. Se l’Italia è riuscita a mantenere degli ottimi rapporti con alcuni Paesi, come per esempio l’Iran e l’Algeria, nonostante gli stravolgimenti politici avvenuti in questi Stati, lo si deve a questa lungimirante politica di collaborazione culturale e scientifica. L’ENI si premurò di preparare giovani ingegneri, economisti, tecnici e geologi capaci di rendere la loro Patria di provenienza indipendente dal punto di vista tecnico dalle aziende occidentali da cui dipendevano i loro introiti economici. Forse oggi ci sarebbe qualcosa da imparare da questo modello. Infine Boldrini diede molta importanza alla cultura umanistica, oltre a quella scientifica. Fu contrario a un’iperspecializzazione in campo tecnico e propose corsi di studi di cultura generale, a completa scelta dello studente, per preparare meglio i giovani a capire il mondo in cui vivevano. Inoltre gli esami formali furono aboliti nella sua scuola, promuovendo la discussione tra insegnanti, allievi e assistenti. Insomma, a dire poco una scuola completamente rivoluzionaria per i suoi tempi e anche per i nostri.

Enrico Mattei, e di conseguenza anche l’ENI, fu un convinto assertore della modernizzazione dell’Italia, avviandola e accompagnandola nella società dei consumi. Cercò in tutti i modi di dare all’Italia un volto nuovo, moderno, al passo con i tempi, con una politica indipendente e forte, con partner stranieri su cui contare e con cui collaborare a lungo termine. Nel fare ciò pestò troppi piedi ben piantati per terra e questo gli fu fatale. Forse fu anche un corruttore come scrisse il giornalista Indro Montanelli, ma lo fu per il bene della sua Patria e del benessere comune, anche di quello dei Paesi poveri da cui comprava il petrolio. Purtroppo non si può dire la stessa cosa di Montanelli, visto le frequentazioni fin troppo assidue con l’ambasciata americana e da lì si spiega la sua brutale campagna di demonizzazione che portò avanti contro Mattei. Il giornalista non difese certo gli interessi italiani, a differenza di Mattei e dell’ENI.

Bini, Elisabetta, La potente benzina italiana. Guerra fredda e consumi di massa tra Italia, Stati Uniti e Terzo mondo (1945-1973), Roma, Carocci Editore, 2013, pp. 271. 

 

Categorie
Arte Curiosità varie Filosofia Libri Poesia Storia

Massimo Centini – Il linguaggio esoterico di Hieronymus Bosch

Il Trittico delle delizie tra iconologia e mistero

Cosa sapete del Trittico delle delizie? L’avete mai visto? Se sì, cosa ne pensate? Ebbene, l’opera si trova al Museo del Prado di Madrid ed è uno dei quadri più indecifrabili ed enigmatici dell’intera storia dell’arte europea. In questo lavoro, Massimo Centini, antropologo culturale e autore di numerosi lavori, soprattutto incentrati sulla religione, storia ed esoterismo, cerca di svelare l’enigma di questo dipinto e del perché Hieronymus Bosch l’abbia fatto. Il dipinto, chiamato Il Trittico delle delizie (indicato da Centini dipinto tra il 1503-1504), è diviso in tre parti e misura 220 cm per 195. Il dipinto è considerato una delle maggiori opere del periodo maturo dell’artista.

Nipote, figlio e fratello di pittori, Bosch iniziò l’apprendistato fin dalla più tenera età nella bottega di famiglia. Nacque in Olanda, nella regione del Brabante, nel 1453. Dopo la morte del padre, avvenuta nel 1478, Bosch continuò il suo lavoro, dipingendo le pale incompiute del padre. Prima del 1480 si sposò con una donna benestante che gli portò una cospicua dote matrimoniale. Bisogna considerare, per inquadrare bene il periodo storico, che Bosch operò nell’epoca in cui uscì il Malleus maleficarum – scritto da due domenicani tedeschi, Jakob Sprenger e Heinrich Institor – che presto divenne la bibbia degli inquisitori contro le streghe. Bosch prima di arrivare a dipingere il Trittico dipinse opere  come La nave dei folli (1494, ispirato dall’omonimo libro satirico di Sebastian Brant), Estrazione della pietra della follia (1494, qui Bosch sembra volesse ironizzare sulla scienza medica del suo tempo) e il Prestigiatore (1502). Nel 1503-1504, ma sulla data esatta esistono delle discordanza tra gli studiosi, Bosch dipinse il Trittico. ED9E4AC3-FBB1-4D8E-87B9-C60D31F2016E

Su questo dipinto è stato scritto di tutto: opera satanica, esoterica, moralizzatrice, perversa, ermetica, altamente simbolica e con riferimenti cristiani, pedagogica, con riferimenti proveniente dall’alchimia, ecc. Spesso, come spiega bene Contini nel libro, si fa una grande confusione quando si parla di esoterismo. Infatti molte persone confondono esoterismo con satanismo, spiritismo e magia. In verità esoterismo significa che c’è un significato più profondo e nascosto nella realtà che ci circonda e questa realtà può essere racchiusa all’interno di un quadro, di un libro o in qualsiasi simbolo usato dagli uomini. Esoterismo è da sempre legato alla religione, ma anche alla quotidianità in cui viviamo. In antico greco esoterikós significa intimo, interno. Quindi nel Trittico, continua Contini, esiste certamente un linguaggio esoterico e questo è evidente dalla scelta degli oggetti ritratti. Per esempio l’utilizzo dei grilli è emblematico a proposito. I grilli, usati fin dall’antichità, indicavano deformazioni fisiche e aspetti mostruosi nei soggetti disegnati e venivano ritratti, molto spesso ma non sempre, con molteplici teste in corpi deformi o minuscoli. Erano un indice di mostruosità. Un altro oggetto usato è l’uovo, che può essere espressione positiva del dominio armonico del corpo, o luogo di rifugio primordiale dimostra la possibilità di racchiudere in un solo involucro, il pensiero e la materia, l’alfa e l’omega, per dirla con le parole di Centini. La fragolaaltro elemento usato da Bosch, indica invece la cupidigia e il peccato (così come la mora e la ciliegia). La civetta rappresenta la morte; i vetri invece sono un chiaro riferimento al mondo dell’alchimia, dove tutto si trasforma e si muta, in un continuo divenire.

Per concludere, perché non voglio svelarvi troppo il contenuto del libro, sull’opera di Bosch permangono molti dubbi e ipotesi, spesso contrastanti tra loro. Forse, ma non c’è nessuna sicurezza in merito, l’artista olandese appartenne a una setta protestante chiamata degli Adamiti, che propugnava una vita sessuale sfrenata, perché solo così, cioè attraverso il peccato, ci si poteva avvicinare a Dio. (Questa setta mi ricorda da vicino quella russa dei Chlysty, di cui faceva parte Grigorij Rasputin). O forse, più semplicemente, fu un’opera che condannava il peccato degli uomini e la loro cupidigia sessuale e la ricerca smodata di piaceri terreni. Se volete saperne di più, leggetevi il libro di Massimo Centini.

Centini, Massimo, Il linguaggio esoterico di Hieronymus Bosch. Il “Trittico delle delizie” tra iconologia e mistero, Catania, Gruppo Editoriale Bonanno, 2014, pp. 128. 

Categorie
Arte Libri Società Storia

Aleksandr Blok – Taccuini

In ogni opera d’arte (anche in una breve poesia) c’è più non-arte che arte. L’arte è simile al radio (quantità infinitesimali). È capace di rendere radioattiva qualsiasi cosa: la materia più pesante, la più rozza, la più naturale: le idee, le tendenze, le “esperienze”, i sentimenti, la vita quotidiana. Proprio ciò che è vivo e di conseguenza rozzo si presta a ricevere radiazioni, ciò che è morto invece non si può illuminare.

Aleksandr Blok

 

Il presente libro raccoglie parte dei taccuini che Aleksandr Blok, grande poeta e scrittore, tenne nel periodo che va dal 1901 al 1920. Bisogna subito dire che molte parti dei taccuini sono stati epurati nell’edizione sovietica del 1965, edizione da cui si rifà il presente lavoro. A sua volta i curatori del presente lavoro hanno eliminato parti delle note di Blok non ritenute necessarie alla comprensione e alla leggibilità del testo. Di conseguenza i Taccuini non rappresentano le intere note dell’autore, ma solo una parte, indirizzata e circoscritta. Mi sembrava doveroso fare questo breve preambolo. Andiamo al contenuto. 2C100546-7FE7-4A79-83E0-106EFCF58A4F

Nelle note riportate nel libro Blok cita molto spesso il suo grande e tormentato amore per Ljubov’ Dmitrievna Mendeleeva, figlia dell’inventore della tavola periodica Dmitrij Mendeleev. Conosciuta nella tenuta dei Mendeleev qualche anno prima, la sposò nel 1903, quando Blok aveva solo 23 anni e la Mendeleeva 22. È un amore burrascoso e costellato da tradimenti che nessuno dei due, a quanto pare, si risparmiò. A un certo punto sua moglie mise al mondo un figlio frutto di un’altra relazione, ma sopravvisse solo pochi giorni. Nonostante ciò il loro matrimonio durò l’intera e breve esistenza di Blok, fino al 1921 (morì a soli 41 anni). Comunque questo genere di rapporti tra marito e moglie fu piuttosto diffuso nell’intelligencija russa di quel periodo. Basti pensare ad Aleksandr Herzen, a Sergej Esenin, a Vladimir Majakovskij, ecc. Vite tormentate, creative e quasi sempre brevi.

Le note sono costellate di piccoli episodi quotidiani, di piccole e grandi ansie per il lavoro, i soldi, le donne incontrate, le critiche agli altri poeti e intellettuali della sua cerchia a San Pietroburgo, gli attacchi subiti sulle riviste di cultura, ai rapporti con la madre, isterica, oltre alla già citata Ljubov’. Non mancano le descrizioni dei vari viaggi che Blok fece in Italia, Germania, Francia e Spagna. Dalle sue parole non traspare un grande entusiasmo, ma piuttosto noia, insofferenza, e talora aperto disprezzo. L’aspetto depressivo delle note risalta in tutta la sua forza e ripetitività, ma qui e là, per chi sa vedere, si scorgono delle vere e proprie perle di poesia, delle metafore meravigliose, delle frasi illuminanti e fulminanti, delle profonde intuizioni sulla vita, sulla religione, sulla politica, sull’arte e la poesia. Solo per questo vale leggere il libro, stando ben attenti a scorgere e trovare queste perle disseminate tra i righi e talvolta dietro le stesse parole.

Concludo questa breve recensione parlando dell’esperienza che Blok ebbe nel maggio 1917, dopo la rivoluzione borghese del febbraio, nella quale venne nominato redattore capo dei verbali della Commissione straordinaria d’inchiesta sui crimini dei ministri e funzionari zaristi. Ebbe modo di interrogare molti ex funzionari, spie, agenti dei servizi segreti e politici collusi con il passato sistema zarista. Vide una società in disfacimento crollare, persone una volta potenti tremare di fronte agli interrogatori, ex spie balbettare parole senza senso, politici allontanare da sé qualsiasi responsabilità: uomini diventati relitti, ombre di quello che furono in poche settimane, se non addirittura giorni. E Blok di fronte a tutto quello sfacelo si ripeteva continuamente ricorda che non si deve giudicare nessuno. L’uomo è quell’essere presuntuoso e pieno di sé nei momenti di gloria, ma debole e fragile nei momenti bui. Aguzzino e vittima nello stesso tempo: di sé stesso, dei suoi tempi, della sua cultura.

Blok, Aleksandr, Taccuini, Milano, SE, 2014, pp. 199.

 

Categorie
Animali Cinema Filosofia Libri Poesia

S. Kozlov, J. Norštejn, F. Yarbusova – Il Riccio nella nebbia

È uscito anche in Italia il libro Il Riccio nella nebbia (Ёжик в тумане), favola moderna basata sul film di animazione del regista Jurij Norštejn e sulla sceneggiatura di Sergej Kozlov, uscito in Unione Sovietica nel 1975. Le bellissime illustrazioni sono di Francesca Yarbusova. In Unione Sovietica questa storia era famosissima e lo è tuttora in Russia. La favola racconta la storia di un Riccio e del suo amico Orso. Nella narrazione s’intersecano le vite di altri animali, come un Cavallo, un Gufo, un Cane, delle Falene e uno strano Qualcuno che salverà il povero Riccio dall’affogare nel fiume. Mentre Riccio e Orso s’incontrano di notte per contare e ammirare le stelle, Gufo, che in realtà ci vede benissimo di notte, è completamente incapace di vedere la bellezza che lo circonda, concentrato, com’è, al mero e sterile appagamento di sé e del proprio ego. Riccio riesce a vedere una stella riflessa in una pozzanghera ed è felice di quella visione, mentre anche Gufo guarda nella stessa pozzanghera ma vede solo la sua immagine riflessa e nient’altro.

Kozlov, Sergej, Norštejn, Jurij, Yarbusova, Francesca, Il Riccio nella nebbia, Milano, Adelphi Edizioni, 2019. 

Categorie
Antropologia Curiosità varie Libri Politica Società Storia

Paolo Cochi – Mostro di Firenze

Ho finito di leggere il corposo e molto approfondito Mostro di Firenze. Al di là di ogni ragionevole dubbio dello scrittore e reporter Paolo Cochi. Dirò subito che questo è il libro più esaustivo e completo sull’intera vicenda del mostro che io abbia mai letto (e ne ho letti molti). Mi ricorda, per completezza e attenzione ai dettagli, il grande libro Storia delle merende infami dell’avvocato e scrittore Nino Filastò, ma con la differenza che Cochi si rifà solo ed esclusivamente agli atti dei processi (1994, processo a Pietro Pacciani e 1997-1998, processo ai compagni di merende); alle testimonianze raccolte nel corso degli anni e riportate come testimoni nei processi; al profilo geografico in cui avvennero gli omicidi; alle perizie degli esperti sulla pistola usata; alle intercettazioni telefoniche delle persone coinvolte e alle deposizioni dei testi chiamati a deporre. Insomma, nulla viene concesso alla fantasia o alle ipotesi più fantasiose (certo non mi riferisco a Nino Filastò ma alle tesi strampalate che girano su internet). Quindi niente Zodiac, mandanti degli omicidi, due o più serial killer, sette sataniche nascoste dietro ai feticci, strane riunioni notturne in qualche villa del Mugello o altro ancora. Solo carte e fatti. Così l’autore del libro smonta passo passo tutta la teoria costruita ad arte dei compagni di merende e tutte le bugie e farneticazioni di Giancarlo Lotti e Fernando Pucci. Quest’ultimo era considerato addirittura oligofrenico e invalido al cento per cento e come ciò non sia stato preso in considerazione dai giudici è ancora un mistero.FB383139-3F15-4163-B34E-D94D1B5AC0D8

Adesso prendiamo un personaggio come Lotti, oligofrenico conclamato, il grullo del paese, preso in giro da tutti, quasi sempre nullafacente, povero, disperato, e improvvisamente mettiamolo al centro dell’attenzione di magistrati, persone importanti, sotto protezione, nascosto e protetto in località segrete, con una casa sicura (che non ha mai avuto), con uno stipendio mensile da parte dello Stato, finalmente importante e considerato qualcuno, cosa ci aspetteremmo che dicesse? Naturalmente tutto ciò che faceva comodo a chi gli permetteva un tenore di vita di quel tipo. Già l’avvocato Nino Filastò, difensore di Mario Vanni, denunciò a suo tempo il trattamento estremamente di favore con cui veniva trattato il Lotti, come per esempio: i ristoranti scelti da lui per andare a pranzare e cenare, naturalmente a spese dei contribuenti; l’impossibilità per chiunque di entrare in contatto con lui, perché -come scritto sopra-, tenuto nascosto da tutto e tutti. Trattato come una star, come il verbo dalle cui labbra pendere. La cosa grave è che Lotti e Pucci -nonostante le incongruenze e le distorsioni-, sono stati presi sul serio; invece di, come aveva chiesto il Procuratore Generale Daniele Propato, essere incriminati per calunnia e, nel caso di Lotti, addirittura di autocalunnia. Lo stesso Propato chiese nel contempo di assolvere Mario Vanni, vera vittima di questo ingranaggio infernale che è stato il processo ai presunti complici di Pietro Pacciani.

Non voglio svelare troppo del libro e spingermi troppo in oltre, perché non vorrei togliere la sorpresa per chi lo leggerà, ma posso dire che alla fine anche Paolo Cochi si è fatto un’idea di chi possa essere questo mostro e di certo non è tra le persone processate, condannate e indagate direttamente nella vicenda. L’ipotesi di Cochi si base sulle  ricerche, riscontri testimoniali e al furto di quattro Beretta calibro .22 l.r. in un’armeria di Borgo San Lorenzo, avvenuto nel 1965, di cui tre pistole ritrovate successivamente, che detto per inciso è lo stesso modello di pistola con cui vennero eseguiti tutti gli omicidi dell’assassino seriale. In poche parole, la Beretta .22 l.r. rubata nel 1965 e non più ritrovata potrebbe essere quella del mostro e forse rimasta sempre nel Mugello. Anche quella di Cochi è un’ipotesi, certamente, ma ad oggi nessuno conosce la verità, se non vogliamo attenerci alle sentenze del processo Pacciani, condannato in primo grado all’ergastolo per quattordici dei sedici delitti (escluso il duplice omicidio di Signa nel 1968) e poi assolto in secondo grado, e a Lotti e Vanni, condannati rispettivamente a 30 anni e all’ergastolo per gli ultimi quattro duplici delitti (1982 Baccaiano, 1983 Giogoli, 1984 Vicchio e 1985 Scopeti). E gli altri quattro duplici omicidi precedenti a Baccaiano chi li fece? Secondo la giustizia, nessuno. È una vicenda spaventosa ed enigmatica e purtroppo ancora non risolta. La speranza dell’autore del libro, così come la mia, è che si possa arrivare un giorno almeno alla verità storica della vicenda e dare una parvenza di giustizia alle vittime e alle loro famiglie. Perché solo verità storica? Perché con ogni probabilità il mostro è già deceduto. Dall’ultimo duplice omicidio sono passati trentacinque anni e molti familiari delle vittime in questi anni ci hanno lasciato senza sapere chi fosse l’assassino che ha trucidato senza alcun motivo i loro figli. Chissà, forse da questo libro potrebbe nascere un nuovo filone di indagini che potrebbe portare a scrivere la parola fine a questa triste e spaventosa vicenda.

 

Cochi, Paolo, Mostro di Firenze. Al di là di ogni ragionevole dubbio, s.l., Runa Editrice, pp. 532. 

Categorie
Antropologia Curiosità varie Economia Geopolitica Libri Politica Società Storia

Massimo D’Angelillo – La Germania e la crisi europea

Il libro di Massimo D’Angelillo, economista, è una lettura molto indicata visto il momento storico che stiamo vivendo in Italia e in Europa con il problema del MES e con l’opposizione, senza remore, della Germania e dei suoi Paesi satelliti contro l’idea dei coronabond o degli eurobond avanzata dall’Italia (e appoggiata da molti Stati europei). Dirò subito che nonostante i numerosi errori di stampa questo è un libro molto illuminante e ben scritto, su un argomento per nulla facile da comprendere, per chi, come me, non capisce molto di economia e soprattutto di finanza. Sarò un po’ prolisso, ma il libro e il tema meritano tanta attenzione.

D’Angelillo nel libro segue passo passo la crescita economica della Germania occidentale dopo il 1949, quando la stessa divenne indipendente dall’amministrazione diretta degli Alleati, e in particolar modo dopo il 1971 e la fine del Dollar Exchange Standard, decretata dal presidente americano Richard Nixon. Con Willy Brandt, nel 1969, i socialdemocratici tedeschi (SPD) per la prima volta conquistano il cancellierato da soli. Da questa svolta inizia una politica tedesca volta a unire sviluppo economico, competitività e stabilità monetaria che perdura ancora oggi. Il Marco si rafforza sempre di più grazie alle esportazioni dei prodotti tedeschi e alle innovazioni in campo industriale e dei servizi. Vengono fatti molti investimenti nel campo dell’istruzione e della ricerca. La forte moneta tedesca permette all’industria di acquistare materie prime a prezzi ribassati e consente ai cittadini di fare altrettanto con i prodotti agricoli, manufatti e servizi e nel contempo permette alla Germania di tenere bassa l’inflazione. Sempre negli anni Settanta, Willy Brand e poi il suo successore Helmut Schmidt portano avanti l’apertura dei rapporti con il blocco comunista dell’Est (la Ostpolitik), riallacciando scambi commerciali e soprattutto politici. La Repubblica Federale Tedesca nel corso di tutti gli anni Settanta e Ottanta si rafforza sempre di più, divenendo una potenza economica di livello mondiale. La quota di Pil esportato continua a salire: nel 1950 era dell’8,6 per cento, nel 1960 raggiunge il 15,8 per cento, nel 1980 tocca il 23,7 per cento e nel 2014 addirittura il 45,7 per cento. Contemporaneamente dal 1970 al 1980 sale la spesa pubblica dal 39,1 al 47,6 per cento, ma cala il prelievo fiscale dal 28,0 al 24,6 per cento. Nel 1972 nasce lo SME (il cosiddetto Serpente monetario europeo), per volontà del presidente francese Georges Pompidou e del Cancelliere tedesco Willy Brandt. Lo SME sarebbe servito a coordinare la gestione dei cambi e a dare stabilità al commercio europeo. Nel giro di due anni dalla creazione di questo meccanismo, però, l’Irlanda, il Regno Unito, l’Italia e la Francia ne uscirono, perché i problemi economici per mantenere il cambio stabile erano troppi, con la conseguente perdita di competitività nell’export. Lo SME si rivelò un fallimento per molti Stati. Nel 1979, con la seconda crisi petrolifera, il cancellierato di Schmidt entra in crisi. I cittadini tedeschi gli imputano scarsa attenzione verso i disoccupati e l’ambiente, tema che in Germania occidentale comincia a farsi sentire. Al suo posto, nel 1982, viene eletto Cancelliere Helmut Kohl. 9FC74FF0-407C-4310-B44F-4E4E38AF770C

I conservatori della CDU riprendono il potere, perso nel lontano 1969 con il cancellierato  di Willy Brandt. Come Capo della Cancelleria compare un nome molto noto ai nostri giorni, in Grecia ancora più tristemente popolare, niente poco di meno che Wolfang Schäuble, allora giovane giurista, ordoliberista tra i più spietati e direi arretrati. Kohl sostanzialmente prosegue la politica sociale del SPD, apre a qualche timida privatizzazione e rompe con il passato per quanto riguarda l’Ostpolitik, seguendo le orme di Ronald Reagan e permettendo alla NATO di installare sul suolo tedesco missili nucleari. Questo crea dei forti malumori nei Paesi del blocco comunista e anche in patria. Tuttavia il capolavoro di Kohl, se così si può chiamare, arriva con l’unificazione tedesca nel 1990. La Repubblica Democratica Tedesca, cioè la DDR, viene annessa alla Repubblica Federale e le viene imposta, fin dall’inizio, e senza riguardo alcuno per la sua storia, le regole e le consuetudini occidentali. Come scrive D’Angelillo

le proprietà dello Stato dell’Est vengono trasferite a un ente chiamato Treuhand Anstalt e poi rapidamente privatizzate; la classe dirigente della DDR viene del tutto esautorata; i valori monetari dei due Stati convertiti mediante un cambio monetario 1:1 tra il DM occidentale e il Marco della DDR.

Insomma, per farla breve, è a tutti gli effetti una vera e propria colonizzazione della Germania occidentale verso quella orientale, che va punita e rieducata secondo i canoni dell’ordoliberalismo più spietato che ancora oggi domina in Germania e in Europa, con i danni che noi tutti possiamo constatare soprattutto nell’Europa del Sud (che, come i tedeschi orientali prima, vanno rieducati con fermezza). Gli effetti di questa politica sono disastrosi per l’ex DDR, che in pochissimo tempo vede svanire la propria industria e decadere la propria economia, portando la disoccupazione (e anche l’immigrazione) a livelli mai visti prima: 2,4 milioni di persone restano disoccupate e altre 2 milioni migrano nella Germania occidentale a fronte di una popolazione di 16 milioni di abitanti. Addirittura il novantadue per cento dei beni privatizzati va nelle mani di investitori occidentali. Uno shock senza precedenti. Passando alla politica internazionale, Kohl ha molte responsabilità politiche per lo scoppio della guerra civile nell’ex Jugoslavia. Infatti senza l’immediato riconoscimento tedesco dell’indipendenza di Slovenia e Croazia, nel 1991, probabilmente non ci sarebbe stata l’escalation militare e la conseguente lunga guerra etnica. La Germania di Kohl non volle ascoltare ragioni, nonostante fosse stata sconsigliata dagli Stati Uniti e da altri Paesi europei di non influenzare la destabilizzazione della Jugoslavia. Con questo ultimo atto da parte della Germania il passo è ormai compiuto per ricreare una super potenza mitteleuropea nel centro dell’Europa. Il cancellierato di Kohl si conclude nel 1998, con una Germania con molti problemi interni, dovuti soprattutto all’annessione della ex DDR, ma molto rafforzata in ambito europeo e mondiale. Nel 1998 inizia l’era di Gerhard Schröder e dell’SPD di nuovo al comando.

Gerhard Schröder come primo passo capisce che la Germania ha bisogno di legarsi alle Nazioni emergenti che stanno crescendo nel mondo, in particolar modo alla Cina, ma anche ai Paesi del BRIC (oltre alla stessa Cina già citata, Brasile, Russia e India). Punta tutto sulle esportazioni e sul modo di farle crescere, competendo con le Nazioni che hanno un costo del lavoro molto più basso e sottopagato. Inventa i Minijob per permettere alla Germania di competere a tutti i costi e su tutti i fronti. I Minijob sono caratterizzati da un basso salario, che non supera i 450 euro al mese, da pochi contributi sociali e detassazione dei salari. I risultati di questa riforma del lavoro saranno raccolti dal cancellierato di Angela Merkel (2005- ad oggi), quando la Germania nel 2006 diventerà il primo esportatore mondiale (in seguito superata dalla Cina). Ma torniamo un attimo indietro. I Minijob creano in Germania una nuova classe di lavoratori poveri, sottopagati, precari, per due terzi donne e in maggioranza giovani. Si calcola che nel 2014 il 18,9 per cento dei lavoratori rientrano nei Minijob. Nonostante questa riforma per dare ampio respiro alle esportazioni, la Germania di Schröder per ben due anni, nel 2003 e 2004, insieme alla Francia, sfora il rapporto deficit/Pil posto al 3 per cento. Nel 2003 arriva al 4,2 per cento e nel 2004 al 3,9 per cento (più o meno sugli stessi valori la Francia di Jaques Chirac). La cosa abbastanza sorprendente è che sia la Francia che la Germania non pagarono nessuna procedura d’infrazione, nonostante le regole punissero e puniscano i trasgressori, grazie al veto di Silvio Berlusconi per l’Italia e di Tony Blair per il Regno Unito. La memoria della Germania attuale anche in questo caso è corta, molto corta. Il Cancelliere nel 2005 indice nuove elezioni, che vengono vinte – a causa del tradimento della socialdemocrazia verso i lavoratori e la propria storia sociale – abbastanza agevolmente dalla CDU di Angela Merkel.

La Merkel, donna della Germania orientale e laureata in fisica, riesce a raccogliere tutti i frutti dolci delle passate stagioni. Raccoglie l’entrata nell’Unione Europea di ben sette Paesi dell’Est, fortemente voluta dalla Germania, nel 2004: nell’ordine Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Slovenia e nel 2007 si conclude l’opera con l’entrata di Bulgaria e Romania. Finalmente la Germania ha il suo enorme bacino di manodopera specializzata a basso costo e infinite occasioni di penetrare altri mercati, vendendo ed espandendo i prodotti made in Germany. La maglia geopolitica tedesca si espande sempre di più nell’Europa orientale, declassando la storica alleanza con la Francia come secondaria ed emarginando l’altra grande economia in crisi d’Europa, cioè l’Italia. I Paesi del Sud vengono sempre di più visti come zavorre, spendaccioni e pochi produttivi. Il canone ordoliberista che tanti danni ha fatto e sta continuando a fare all’Europa intera, compresa a una buona fetta di cittadini tedeschi impoveriti, è la strada maestra che segue la signora Merkel e il suo ex ministro delle Finanze Schäuble (2009-2017), più sopra già citato.

Ma cos’è in due parole l’Ordoliberalismo? È quell’idea, come riporta D’Angelillo, riprendendo le parole di Hans-Werner Sinn, forse il più influente economista tedesco, che non esiste alcuna autoregolazione dei mercati, solo un’autogestione all’interno di una cornice di regole fissata per legge dallo Stato. Da qui si spiegano tutti i lacci soffocanti che la Germania ha imposto all’Europa per non indebolire l’euro e quindi per non permettere a Paesi come l’Italia di fare concorrenza ai suoi prodotti, come avveniva con la svalutazione della vecchia lira. Questo pensiero da un lato va contro l’anarchia liberista del mondo anglosassone, che tanti danni ha recato all’economia, e dall’altro contro l’Europa del Sud, che deve continuamente adeguarsi ai canoni dell’economia tedesca (i famosi compiti a casa). In questo modo è stata instaurata una vera e propria dittatura economica e finanziaria che sta portando al collasso l’intera Europa. C’è anche un altro fatto poco noto che l’autore del libro spiega bene ed è il modo in cui la Germania utilizza le sue risorse finanziare (dovute all’enorme surplus commerciale). I surplus finanziari, che non possono essere rinvestiti in Germania in quanto il mercato è saturo, vengono rinvestiti comprando i titoli del debito dei Paesi dell’eurozona. Più lo spread è alto e più gli investitori guadagnano denaro, più è basso e meno guadagnano. È un sistema evidentemente perverso che va a tutto vantaggio della Germania. Quindi quest’ultima ha tutto l’interesse che i Paesi indebitati continuino ad esserlo perché il meccanismo si riveli un ottimo affare. L’importante è che non falliscano. Questo no. Finché le regole dell’eurozona resteranno queste, questo sporco gioco al massacro contro i Paesi più deboli continuerà indisturbato, arricchendo sempre di più la Germania e indebolendo sempre di più i Paesi già deboli. Il keynesismo dell’export, come lo chiama D’Angelillo, è stato criticato fortemente dagli Stati Uniti e da altri Paesi, ma non è servito a niente. La Germania non ha alcuna intenzione di fare autocritica e di tornare sui propri passi. L’euro è stato costruito a tutto vantaggio della Germania, perché riesce a ingabbiare l’Italia, suo diretto competitore, che non può più svalutare la lira, come avveniva prima; perché tiene bassa la disoccupazione nel proprio Paese; perché ottiene denaro in prestito a tassi di interesse bassissimi; perché continua a crescere il proprio surplus commerciale (danneggiando gli altri Paesi europei, in quanto tenendo gli stipendi bassi non permette ai propri cittadini di consumare di più e quindi di espandere l’offerta e la domanda); ecc.

L’incapacità e l’arroganza di Angela Merkel degli ultimi quindici anni (in realtà il libro si spinge fino alla fine del 2015), da quando è diventata Cancelliere, sta portando l’Europa alla deriva e con grossissimi problemi di instabilità interna in molti Paesi. La Germania ha dimostrato di non poter guidare in alcun modo l’Europa, che non ne ha la capacità strategica e a lungo termine. È troppo autoreferenziale, egoista, tronfia e senza memoria storica, come sta dimostrando ancora in questi giorni drammatici per l’Europa e il mondo intero. Ha distrutto la Grecia senza alcuna pietà e forse adesso spera di fare altrettanto con l’Italia, imponendole il MES. La classe dirigente tedesca espressa negli ultimi quindici anni si è rivelata fallimentare, ottusa e pericolosa per l’intera Europa. La mania, quasi malattia compulsiva dei tedeschi per la stabilità finanziaria ha ridotto a deserti intere aree dell’Unione Europea, a partire proprio dall’ex DDR, primo paradigma di questa volontà malata di desertificazione.

D’Angelillo, Massimo, La Germania e la crisi europea, Verona, Ombre Corte, 2016, pp.222. 

 

Categorie
Curiosità varie Filosofia Libri Musica Politica Società

Julius Evola – Civiltà americana

In questo libro ci sono alcuni articoli scritti da Julius Evola dal 1930 al 1968 e incentrati sulla società americana e sull’influenza che la stessa aveva sulla società italiana, a partire dalla Rai, a cui Evola non risparmia pesanti critiche, alla radio, alla musica e al linguaggio (già allora!). L’americanizzazione era già in pieno svolgimento mentre Evola scriveva questi articoli e non risparmiava nessuna delle attività umane. Il filosofo scrive che è molto più pericolosa l’infiltrazione americana rispetto a quella comunista-sovietica. D’altronde, continua Evola, il popolo americano non è affatto giovane, come si usa dire, ma assurge a sé molte componenti primitive, che li fa scadere nella sfera dell’immediato, del materiale e della semplificazione spicciola. Cosa dire della democrazia americana? Gli americani, seguendo le idee del filosofo John Dewey, considerato mediocre dallo stesso Evola, credono che ognuno possa diventare quello che vuole nella vita, eliminando, in questo modo, qualsiasi differenza e capacità innata tra gli uomini. Infatti ogni sentimento di distanza e di rispetto appare ingiustificato e da qui nasce la stessa attitudine insolente, presuntuosa, irriguardosa che ogni americano si permette, dovunque egli si trova. Bisogna ammettere che questi comportamenti ormai sono la norma anche in Italia, in cui i giovani, solo per dare un esempio, danno del tu agli anziani e addirittura anche ai professori universitari, come mi è capitato di ascoltare. Quindi l’americanizzazione ha funzionato benissimo e, riprendendo il pensiero di Julius Evola, ha dato i suoi acerbi frutti. 7EA55C84-31D0-453D-80D1-1793167A65B2

È un libro in totale controtendenza rispetto al pensiero della maggior parte delle persone contemporanee (per la verità lo era già allora), ma è proprio qui che per me sta il fascino di questo libro. Evola in un articolo del libro non manca di citare il sociologo comunista James Burnham, con cui è d’accordo, e il suo sguardo è ampio e profondo nella sua capacità di analizzare la società americana dei suoi tempi, scrivendo cose scomode e per nulla scontate. Esattamente il contrario rispetto alla maggior parte degli intellettuali odierni.

 

Evola, Julius, Civiltà americana. Scritti sugli Stati Uniti 1930-1968, Napoli, Controcorrente Edizioni, 2010.

 

Categorie
Curiosità varie Libri Uncategorized

W. Somerset Maugham – In villa

Cosa succede nella sonnolenta e tranquilla Firenze di quasi ottanta anni fa? Come vive la piccola e benestante colonia inglese nella placida campagna toscana? E, soprattutto, cosa nasconde questa apparente calma e questo ameno paesaggio idilliaco?

W. Somerset Maugham scrisse questo breve romanzo nel 1940, mentre l’Italia si apprestava ad entrare in guerra. Certamente in un’Italia molto diversa da quella di oggi, ma dove forse la campagna toscana di allora non è cambiata poi così tanto. E forse il fattaccio di allora, avvenuto in una villa e nascosto da occhi indiscreti, non è troppo diverso, come dinamica della dissimulazione, da quello che inizierà una trentina di anni dopo, praticamente nella stessa zona, e che insanguinerà la campagna toscana per diciassette anni. Forse avrete intuito a cosa mi riferisco. Sì, proprio a lui, al mostro di Firenze. Azzardo un paragone forse esagerato, ma tra il romanzo di Maugham e le sue descrizioni di un mondo apparentemente irreprensibile e benestante e gli omicidi avvenuti tra il 1968 e il 1985 potrebbe esserci un filo conduttore. Non di tipo fattuale, perché le due vicende sono diverse tra loro, e la prima è circoscritta a un solo caso, ma di tipo ambientale e di possibile ispirazione: perché non è nemmeno da escludere che il mostro delle otto giovani coppiette abbia letto questo libro e chissà, forse si sarà ispirato ad esso (per esempio, per come farla franca; allontanando da sé tutte le prove compromettenti degli omicidi e restando nel contempo una persona rispettabile e al di sopra di ogni sospetto).

Negli ambienti più impensati si può nascondere il male, la noia dei ricchi può sviluppare un certo piacere sadico alle novità, di qualsiasi tipo, e le conoscenze e un certo riserbo di classe possono allontanare dal sospettato ogni illazione. Si sviluppa un protezionismo, di tipo aristocratico, pronto a fare da scudo, pronto a proteggere l’indiziato. Salvare la rispettabilità è il principio cardine di alcuni ambienti sociali e a questo si sacrifica tutto il resto.

Avrete notato che ho parlato pochissimo del contenuto del libro, tuttavia spero di avervi fatto venire la curiosità di leggerlo.

Maugham, W. Somerset, In villa, Milano, Adelphi, 1999, pp. 126. 

Categorie
Curiosità varie Libri Poesia Società Storia Uncategorized

Victor Gaiduk – Čechov inedito e segreto

In questo pregevole e documentato libro, Viktor Gaiduk scava nella vita di Anton Pavlovič Čechov e trova i nessi tra la sua opera e la sua reale vita vissuta, dalla nativa Taganrog, nel Sud della Russia, dove il medico-scrittore è vissuto durante la giovinezza, con un padre autoritario e violento, fino a Mosca e alle varie dacie in cui si è spostato nel corso della sua breve esistenza. I paralleli tra la sua vita e la sua opera, come risulta dal libro, sono molti e di varia natura. Come si sa, Čechov ha vissuto intense esperienze amorose e brucianti delusioni umane, come quando, per fare un esempio tra i più pesanti, il fratello Aleksandr si fidanzò, una volta persa la compagna per cancro, con la sua fidanzata Natalie (o ex fidanzata, rimane un po’ oscuro questo passaggio: infatti il fratello gli scrive dandogli la notizia del fidanzamento e del sul prossimo matrimonio con la laconica domanda: comunque è la tua ex fidanzata, non è vero?). Queste esperienze ebbero delle ripercussioni anche nelle sua produzione letteraria e di teatro, come l’autore del libro descrive in dettaglio in alcuni passi. IMG_0739

Durante tutta la sua vita, Čechov fu più volte accusato di non prendere posizione, di non esprimere un giudizio chiaro sulle vicende umane, di essere, in poche parole, un semplice spettatore della vita osservata, senza condannare o esaltare i comportamenti degli uomini e delle donne descritti. Il primo tra essi fu Lev Tolstoj, di cui tra l’altro fu amico. Ma in realtà questa accusa non fu del tutto giusta. Nel libro L’Isola di Sachalin Čechov descrive crudamente, rimanendone lui stesso sconvolto, quello che vide, le violenze, le pene corporali ai detenuti, la mancanza di umanità e di solidarietà tra gli esseri umani nelle colonie penali zariste. Questo libro ebbe il merito di scuotere le coscienze di molte persone e diede il là all’abolizione delle pene corporali ai detenuti nelle colonie penali russe.

Gaiduk alla conclusione del libro cita Giorgio La Pira. La Pira disse che l’umanità intera è capace di solidarizzare con il dolore altrui, ma che in uomini come Čechov esiste anche la capacità di partecipare alla gioia altrui e, testualmente, “ne sono capaci forse solo gli angeli”. 

Gaiduk, Viktor, Čechov inedito e segreto, Milano, La Vita Felice, 2018, pp. 149.