Categorie
Poesia

Fjodor I. Tjutčev – Silentium! – Фёдор Иванович Тютчев – Silentium!

Fjodor I. Tjutčev – Silentium!

˜
Taci, appartati e nascondi
I tuoi sentimenti e i tuoi sogni,
E lascia che nella profonda anima
Essi si alzino e tramontino
Silenziosamente, come stelle nella notte.
Contemplali, e taci.

˜
Come potrebbe il cuore esprimersi del tutto?
È un altro come potrebbe capirti?
O comprendere il senso della tua vita?
Il pensiero espresso è menzogna;
Scavando, intorpidisci le fontane!
Bevi a queste fontane, e taci!…

˜
Sappi vivere solo di te stesso;
C’è nella tua anima un mondo intero
Di pensieri incantati e misteriosi;
L’esterno rumore li stordisce,
I raggi del giorno li disperdono,
Ascolta il loro canto e taci!…

˜

Фёдор Иванович Тютчев – Silentium

˜ 

Молчи, скрывайся и таи
И чувства и мечты свои –
Пускай в душевной глубине
Встают и заходят оне
Безмолвно, как звезды в ночи, –
Любуйся ими – и молчи.

˜
Как сердцу высказать себя?
Другому как понять тебя?
Поймет ли он, чем ты живешь?
Мысль изреченная есть ложь.
Взрывая, возмутишь ключи, –
Питайся ими – и молчи.

˜
Лишь жить в себе самом умей –
Есть целый мир в душе твоей
Таинственно-волшебных дум;
Их оглушит наружный шум,
Дневные разгонят лучи, –
Внимай их пенью – и молчи!…

Categorie
Politica Storia

Il 24 maggio minuto di silenzio per i caduti della Grande Guerra

Finalmente un evento degno dell’Italia e del ricordo della Grande Guerra. Quindi non festeggiare una vittoria con i carri armati e i missili dispiegati per le strade, ma ricordare, ricordare le tante sofferenze e distruzioni patite in quei cinque anni di follia collettiva. Quindi non una “festa”, ma un giorno di ricordo e riflessione. Perché il ricordo dovrebbe essere seguito da una profonda riflessione sulle capacità distruttive degli esseri umani, sulle pulsioni sempre latenti e pericolose di insane volontà egoistiche e disgregatrici, spesso legate a doppio filo ad esasperati nazionalismi nazionali e localistici.

˜˜˜
Sono orgoglioso e felice che ci sia stata questa convergenza di intenti tra il Ministero, i maggiori quotidiani e le televisioni nazionali, gli enti sportivi, le Forze Armate e i Comuni. Mi auguro che sia la prima di tante altre future convergenze nazionali.

˜˜˜
Questo mi pare il modo migliore per ricordare le 650 mila vittime italiane della Grande Guerra e le centinaia di migliaia di feriti e sfollati di allora.

Qui trovate il link del sito Centenario della Prima guerra mondiale 2014-2018.