Chernobyl: contaminati anche microbi, funghi e insetti.

Nell’articolo di Umberto Mazzantini si legge che anche i microbi, gli insetti e i funghi sono stati contaminati nella zona di Chernobyl. Dopo quasi trent’anni dal disastro si scoprono nuove zone devastate dalle radiazioni. Gli scienziati hanno constatato e provato con esperimenti mirati che gli alberi morti non vengono intaccati dai microrganismi come invece dovrebbe normalmente succedere. In alcune zone di Chernobyl ci sono degli alberi morti durante il disastro dell’86 ancora in piedi, come se non avessero subito nessun tipo di decomposizione. Questo fenomeno aumenta il rischio di incendi, visto che la massa vegetale tende ad accumularsi. Un incendio sarebbe devastante perché rischierebbe di liberare nell’ambiente circostante la cenere radioattiva.

Qui potete leggere l’articolo pubblicato sul sito Greenreport.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente, Animali, Natura e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...