Borges, Videla e Pinochet

Ho scoperto un articolo molto interessante del 1999 – pubblicato dal Corriere della Sera a nome di Victoria Slavuski – che riguarda il rapporto tra il grande poeta e scrittore argentino Luis Jorge Borges e le dittature sudamericane del suo tempo. Borges politicamente era essenzialmente di destra, anche se lui si considerava anarchico.

Nel 1977 incontra Videla, allora presidente della giunta militare al potere in Argentina e Pinochet, il dittatore cileno salito al potere con un colpo di stato contro il presidente legittimo Allende, nel 1973. Tesse le lodi per entrambi considerandoli salvatori delle rispettive nazioni dal comunismo e dal caos. Ma dal 1981, dopo le prime voci di torture e assassini provocati dal regime militare argentino, Borges comincia a cambiare idea e le sue dichiarazioni diventeranno sempre più critiche e contrarie alla giunta militare.

Alcuni hanno visto in questo cambiamento di giudizio un tornaconto personale, soprattutto in virtù del fatto che il grande poeta e scrittore voleva vincere il premio Nobel (premio che non gli fu mai dato, probabilmente per le sue idee politiche). Io non credo a questa tesi. Borges, da quello che mi risulta, fece sempre dichiarazioni fuori dal comune e anti conformistiche. Si curò poco degli aspetti mondani e abitò sempre in un piccolo appartamento di Buones Aires, appartato e tranquillo. Dopotutto, nel 1977, anno in cui incontrò i due dittatori, Borges aveva già 78 anni e se avesse voluto davvero vincere il premio Nobel avrebbe evitato di incontrarli, per compiacere la giura di Stoccolma. Eppure non lo fece. Quindi il suo cambiamento di parere credo che fosse sincero.

Qui  trovate l’articolo.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Libri, Poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Borges, Videla e Pinochet

  1. musa inquietante ha detto:

    Credo tu abbia ragione, d’altronde abbiamo altri esempi illustri di valenti personaggi che all’inizio presero un abbaglio appoggiando dittature, per poi allontanarsene una volta compresa la vera essenza del totalitarismo..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...