Sandro Ruotolo come Italo Calvino: quando l’attualità è anacronistica

Pur non essendo comunista, né fascista non posso ignorare il comportamento del giornalista Sandro Ruotolo contro gli esponenti politici di Casapound. Si è rifiutato una volta di stringere la mano a Simone Di Stefano e oggi, in un dibattito televisivo tra esponenti politici del Lazio, sempre alla presenza dello stesso politico di Casapound, si è alzato platealmente e ha lasciato lo studio dopo aver pronunciato un discorso antifascista. Il tutto nasce, a detta di Ruotolo, da una battuta contro Vendola di Di Stefano, considerata omofoba. Successivamente Ruotolo è stato contestato da alcuni ragazzi di Casapound, dopo che lui si è rifiutato di stringere la mano all’esponente Di Stefano. Questo è accaduto negli ultimi venti giorni. Il suo atteggiamento mi ha ricordato, proprio su questo punto, Italo Calvino e la sua frase contro i fascisti a cui rispose Pasolini. Riporterò in fondo.

Credo che il comportamento di Ruotolo sia sbagliato sotto molti punti di vista. Una persona propriamente democratica e candidata al Parlamento deve saper parlare e confrontarsi con tutti, a prescindere dalle idee politiche altrui. Con le persone ci si confronta, anche duramente se necessario, anche scontrandosi a muso duro, ma una chiusura preventiva e quasi razzista non è un comportamento degno di una persona civile. Anzi, dimostra in questo modo di essere peggiore delle persone che critica. Direi quasi un  atteggiamento fascista. Cosa avremmo dovuto fare con Paolo Borsellino, iscritto al M.S.I., quindi un partito neofascista? Che dire di Giorgio Perlasca, il fascista che salvò migliaia di ebrei in Ungheria? Non si può additare una persona che idealmente ha convincimenti fascisti come un delinquente preventivo. Perché lo stesso ragionamento lo si potrebbe fare con i comunisti e alcuni lo fanno. E se qualcuno facesse la stessa cosa con Sandro Ruotolo, in quanto comunista? Chi esclude rischia di essere escluso.

Secondo me, invece, bisogna parlare con i ragazzi di Casapound e non trattarli come esseri inferiori da estirpare. Un atteggiamento come quello di Ruotolo rischia di estremizzare questi ragazzi, chiudendoli in una spirale pericolosa e piena di rivalsa verso la società che li rifiuta. Il terrorismo vissuto tristemente in Italia è nato anche in questo modo. Se poi dovessero compiere atti contro la legge, allora li si punisce. Ho letto nei vari video e articoli sulla vicenda Ruotolo commenti deliranti e pieni di odio di esponenti comunisti o comunque di antifascisti convinti. Sinceramente i veri fascisti mi sono sembrati loro.

Vorrei consigliare a Sandro Ruotolo di andarsi a leggere o rileggere cosa scrisse Pasolini sui fascisti. Negli Scritti Corsari, nell’articolo Limitatezza della storia e immensità del mondo contadino (8 luglio 1974), il grande intellettuale, rispondendo alla frase di Italo Calvino, I giovani fascisti di oggi non li conosco e spero di non avere occasione di conoscerli; rispose:

Augurarsi di non incontrare mai dei giovani fascisti  è una bestemmia, perché, al contrario, noi dovremmo far di tutto per individuarli e per incontrarli. Essi non sono i fatali e predestinati rappresentanti del Male: non sono nati per essere fascisti. Nessuno – quando sono diventati adolescenti e sono stati in grado di scegliere, secondo chissà quali ragioni e necessità – ha posto loro razzisticamente il marchio di fascisti. E’ un atroce forma di disperazione e nevrosi che spinge un giovane ad una simile scelta; e forse sarebbe bastata una sola piccola diversa esperienza nella sua vita, un solo semplice incontro, perché il suo destino fosse diverso. 

Evidentemente non si impara nulla dalla storia, e Sandro Ruotolo rappresenta ancora un mondo in cui l’odio politico viene nutrito e portato avanti in quanto valore. Abbiamo anacronisticamente bisogno di odiare qualcuno per riconoscerci in quanto gruppi e individui. Non siamo per, ma contro. Peccato che non ci siano più intellettuali della portata di Pierpaolo Pasolini; ma purtroppo, fermi come nel ’74, dobbiamo subire ancora questa desolazione.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Politica, Società e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...