I doppi sensi che piacciono tanto ad alcune donne

Dopo l’ennesima uscita infelice di Berlusconi con la donna di turno, ho sentito alzarsi l’indignazione di molte persone, specialmente donne, contro il maschilismo della battuta espressa. Premetto che le uscite di questo tipo non mi piacciono per niente e non mi interessa sapere se l’uscita è di Berlusconi o di Bersani, ma non posso tacere l’ipocrisia di persone interessate che cercano di cavalcare l’onda per guadagnare consensi e visibilità. La ragazza cosiddetta imbarazzata, a detta di molte femministe indignate, in realtà non lo era affatto: lei stessa si è dichiarata onorata e felice di incontrare Berlusconi (adesso pare che abbia cambiato idea…). Io stesso frequento un corso di nuoto in cui le donne sono preponderanti e a volte qualche commento a doppio senso lo sento, da parte loro. La cosa né mi scandalizza, né mi indigna. Con questo voglio dire che ad alcune donne questi commenti non dispiacciono affatto, anzi, si divertono e spesso si sentono lusingate da tali attenzioni.

Adesso vorrei dire due parole sul caso Neri Marcorè. Sappiamo tutti che domenica sera lui ha preso il posto di Crozza nella copertina di Ballarò. Ebbene, per una semplice battuta su Mara Carfagna è stato subito additato come maschilista e cafone. Io non credo affatto che le cose stiano così. Sarebbe ora di finirla di difendere donne indifendibili solo in quanto donne. Mara Carfagna rappresenta – come la maggior parte delle donne del Pdl – una tipologia di persona che non ha alcun merito per occupare quella posizione o quelle passate. Non ha alle spalle nessuna carriera politica da potere vantare con orgoglio, come per esempio la Finocchiaro o la Rosy Bindi. E’ stata catapultata improvvisamente sulla scena politica. Purtroppo l’esempio che danno queste donne umiliano e deprimono tutte le altre che con coraggio e fatica cercano di ritagliarsi un ruolo; ma spesso si vedono scavalcate dalla belloccia di turno amica del capo. Berlusconi rappresenta questo modello elevato al cubo.

Quindi le femministe o le donne che in generale si indignano contro gli uomini, dovrebbero indignarsi contro quelle stesse donne che difendono. Sono loro l’esempio sbagliato, perché se ci fossero altre tipologie di donne anche l’uomo si comporterebbe in maniera più rispettosa e civile. Il problema riguarda tutti, poiché gli uomini e le donne non vivono in mondi separati ma sono costantemente connessi tra loro, sia in famiglia che al lavoro, e in qualsiasi altro ambito della vita.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Politica, Società e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...