Il clero si è dimesso

Finalmente si chiude un brutto, bruttissimo periodo di non-democrazia. Il clero dei tempi moderni – i professori universitari – potranno, spero, tornare a insegnare con tanto di platea adorante e ossequiosa, senza più essere disturbati da alcuna obiezione. Torneranno, con tutta la loro boria e arroganza, a dettare legge, indicando la via maestra da seguire al rozzo popolo. L’oscurantismo dell’ignoranza medievale che si attribuiva alla religione dogmatica e superstiziosa è più che mai in auge, grazie alle certezze degli economisti- scienza affatto precisa – visto le miriadi di posizioni contrapposte e antitetiche nell’area economica. Non c’è nessun teorema di Pitagora valido per tutti, eppure il professor Monti e i suoi accoliti hanno voluto farci credere che bastasse lasciare fare a chi ne sapesse di più: cioè loro; il nuovo e potentissimo clero. Dovevano raddrizzare la schiena a un popolo di fannulloni che dopo una vita di lavoro pretendevano pure la pensione: scandaloso! Nel Medioevo bruciavano le persone al rogo, oggi gli tolgono la pensione e li si butta in mezzo a una strada, senza tutela sociale alcuna. Ma tre miliardi di euro si regalano volentieri alla Banca dei Paschi di Siena e non si toccano i privilegi acquisiti dalla politica e dalla finanza, alla faccia dell’equità.

La fine del mondo è passata ma sarebbe saggio non esultare troppo in fretta, perché la politica delle lacrime e sangue – intrapresa dal governo dimissionario – non è affatto finita. Bersani, che profuma molto di sinistra, proseguirà su quella strada. Berlusconi preferisco non commentarlo (anche se c’è chi preso dalla disperazione per un non-futuro, spera che lui possa essere un punto di rottura con il dominio tedesco e le politiche di austerità europee). Si arriva anche a questo punto, indice della disperazione di alcune persone di fronte alla mancanza di prospettive politiche dei nostri leader. Per il resto si vedrà.

Dopo avere devastato il nostro Paese, ai nostri cari professori auguro un felice e prosperoso ritorno alle aule universitarie. Spero che non rovinino troppi giovani volenterosi con le loro deprecabili e stolte teorie economiche.

 

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il clero si è dimesso

  1. Denise Cecilia S. ha detto:

    Dici: “Spero che non rovinino troppi giovani volenterosi […]”.
    Lo spererei anch’io, purtroppo però so che:
    L’università è il luogo dove si levigano i ciottoli e si toglie lucentezza ai diamanti.
    (Robert. G. Ingersoll)

    Buon 2013, per quanto possibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...