L’Europa ha scelto il nostro futuro premier: Monti

Un’ingerenza simile che farebbe scandalo in qualsiasi Paese, da noi è appoggiata senza battere ciglio. I commenti entusiasti a favore della Merkel e dei vari burocrati europei si sprecano nei nostri quotidiani. Certo il caso nasce dal redivivo Berlusconi, che mai mi sognerei di votare, ma comunque è un problema del popolo italiano e non europeo. Nessuno si permetterebbe di fare lo stesso con la Germania o con la Francia. Ieri sera Tremonti a Servizio Pubblico ha dichiarato che l’Italia sta pagando per risanare i debiti delle banche francesi e tedesche e che Monti è ad uopo per lo scopo. Fin qui nulla di nuovo, se non fosse che è stato detto da un ex ministro dell’economia, quindi non sono più chiacchiere da rete.

I burocrati europei si scagliano contro il populismo crescente, non solo in Italia ma in tutta Europa, senza nemmeno chiedersi il motivo di tale fermento. Per quale motivo Monti sta cercando di distruggere l’intero stato sociale rimasto, iniziando dalle pensioni, dalla sanità, dai servizi pubblici ecc.? L’INPS aveva dichiarato i conti in attivo e che potesse pagare le pensioni fino al 2060, è stata subita defraudata e distrutta. La sanità nel Lazio è al collasso, e la situazione nel resto d’Italia è pessima, eppure il governo adombra l’ipotesi di privatizzare la sanità invece di tagliare gli sprechi assurdi denunciati anche da Gino Strada. Come ho già scritto in un altro commento, non si è mai visto un trasferimento di ricchezza così marcato dalle classi meno abbienti verso le classi più agiate, non in epoca moderna almeno. Il 10 % della popolazione italiana detiene la metà della ricchezza nazionale, non era mai successo.

Monti all’Europa, soprattutto alla finanza di Francia e Germania, farebbe molto comodo. Pagherebbe – spolpando la carne dalle ossa del popolo italiano – i tassi di interessi criminali dei debiti contratti dall’Italia (fatti da chi?), rimpinzando le banche straniere e in parte italiane depauperando e portando al collasso l’intera economia nazionale. Finendo l’opera tornerà a svolgere la sobria professione di rettore della Bocconi… E  in Europa gridano: Monti! Monti!

Eppure i soldi potrebbero recuperarli in altro modo: sequestrando gli utili della famiglia Riva (più di 3 miliardi di euro in 17 anni, cioè da quando hanno in mano l’Ilva, sarebbe utile leggersi: Gianni Dragoni, L’Ilva. Il padrone delle ferriere, ebook), eliminando le pensioni d’oro, per esempio quella di Amato, di 30 mila euro al mese (urla vendetta al cielo!), tagliando i costi assurdi della politica, della sanità, dei manager pubblici (il capo della polizia guadagna più di 600 mila euro all’anno e vive in affitto agevolato in un appartamento pubblico!); facendo pagare le frequenze televisive al caro Berlusconi (dato che non le paga da anni!), richiedendo i quattrini regalati alla famiglia Agnelli in 90 e più anni, senza avere avuto nulla in cambio, se non cassaintegrati pagati con le nostre tasse; nazionalizzando le autostrade, cacciando la famiglia Benetton e tutti gli altri privati, eliminando le fondazioni bancarie in mano ai politici e ridando credito agli imprenditori, agli artigiani e ai commercianti, ritirando le nostre truppe da tutti i teatri di guerra mondiali: insomma si potrebbe seguire una politica roosveltiana che tanto fece nella crisi del ’29 negli USA. Mettere al centro dell’azione politica il popolo italiano, nella sua interezza, non solo una parte di esso.

Bisognerebbe smetterla di genuflettersi verso tutto ciò che arriva da fuori i confini nazionali, ogni tanto bisogna alzare la voce: un minimo di sano patriottismo non farebbe male al nostro Paese. Non siamo una Nazione qualsiasi, siamo sostenuti da tre mila anni di storia, di cultura e di civiltà (che storia che cultura che civiltà!) che la maggior parte dei Paesi europei si sognano, compresa la Germania.

Già, ma non bisogna dirlo, anche questo è populismo…

Intanto il debito pubblico italiano ha sfondato quota 2000 miliari di euro nel mese di ottobre.

Avanti con Monti… verso la tomba.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...