Rivoluzione sessuale e perdita di umanità

Siamo tutti attratti e spinti verso il sesso. Senza questo impulso la specie umana si sarebbe estinta da molto tempo. Il sesso di per sé non è negativo; è come la CO2 in atmosfera: senza di essa non si potrebbe vivere sulla Terra, ma con un eccesso di anidride carbonica in atmosfera, come in questi ultimi decenni, stiamo trasformando la Terra in un luogo invivibile. Credo che lo stesso valga per il sesso. Il sesso si è trasformato, dopo la rivoluzione sessuale, da principio primo della vita e della continuazione della specie, a puro atto di piacere, scollegato da qualsiasi principio morale. Un’azione esclusivamente  materialistica. L’apoteosi del capitalismo selvaggio e senza regole, ma anche del comunismo anti borghese (Marx teorizzava addirittura la condivisione delle donne e l’abolizione del matrimonio).

Cosa abbiamo perso con la liberazione sessuale? Per prima cosa il corteggiamento. Estinto, finito. Una volta si corteggiava la donna, si conquistava lentamente la sua fiducia, ci si faceva apprezzare come uomini degni e rispettosi, in un processo lento e spesso romantico. La gioia del sesso veniva conquistata e concessa a ragion veduta, infatti era il coronamento dell’amore che stava a monte, e non il contrario. Si è perso il rispetto verso il genere altrui: uomini e donne visti come pezzi di carne da esibire; spogliarelli maschili e femminili piene di persone urlanti e più simili alle bestie che al genere umano; aumento delle violenze e delle perversioni sessuali; perdita di controllo e stima versi se stessi e gli altri; superficialità nei rapporti umani, dove tutto si consuma immediatamente e si getta subito dopo, come una cosa posata in un angolo e dimenticata… L’elenco sarebbe molto lungo.

Cosa ci abbiamo guadagnato? Facilità di rapportarsi con l’altro sesso. Esperienze sessuali a ruota libera. Avventure dietro avventure. Soddisfacimento delle proprie libidini. Volgarità e assenza di spiritualità. Cinismo, durezza e mancanza di fiducia nei rapporti con gli altri, corazza sempre pronta da inserire, percorsi da raccontare agli amici, e perché no, ai figli e ai nipoti… ecc. ecc.

Dobbiamo stupirci quando leggiamo che il 70% dei matrimoni a Milano finiscono con un divorzio? Quando molti padri ed ex mariti si ritrovano a vivere in mezzo a una strada? (La maggior parte dei barboni e dei senza tetto a Milano sono uomini divorziati, con un’età media di quarant’anni circa). E che dire della crisi economica? Non ha forse i suoi prodromi nella crisi etica e morale della nostra società, dove tutto è visto come una merce vendibile e consumabile, compresi gli esseri umani? Certo, non è solo questo, ma la libertà sessuale senza freni ha eroso dall’interno tutto il resto. Siamo passati da una vita ciclica; matrimonio, figli, nipoti e morte; a una vita aperiodica, matrimonio e figli e nipoti (quando ciò avviene), divorzio, fidanzatina, vita allo stato adolescenziale, istupidimento totale, comunque morte. Non si muore più sazi di giorni.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...