Proteggiamo i più indifesi: i bambini

Ieri sera stavo guardando Piazza pulita di Formigli su La7, quando verso mezzanotte hanno mostrato una coppia omosessuale italiana che ha avuto una bambina tramite l’inseminazione eterologa. Una donna canadese, perché in quel Paese è permesso, si è prestata come “incubatrice” del seme di uno dei due della coppia gay. Dopo nove mesi di gestazione la donna ha partorito e ha consegnato la bambina nelle mani della coppia. Dirò qui di seguito che ritengo ciò una violenza perpetrata verso questa bambina, ma più in generale verso tutti i bambini costretti a vivere volutamente senza una figura paterna o materna.

Durante il video mostrato Vendola, che era in studio, si è commosso e gli applausi del pubblico hanno rimbombato scroscianti. Io, invece, sono rimasto piuttosto interdetto dalla storia in sé e mi sono subito messo nei panni della bambina in questione. Ho pensato: è giusto tutto questo?; non abbiamo superato il limite?; come vivrà la bambina? E altre mille domande affollavano la mia mente.

Ebbene, non credo che sia giusto perché considero una crudeltà ben feroce privare una bambina del diritto di avere una madre, così come di un padre, solo per soddisfare un proprio desiderio egoistico. Come faranno a spiegargli che lei ha due padri mentre tutti gli altri bambini hanno un padre e una madre? Come farà un uomo a sostituirsi alla figura materna? Di quanto amore sarà privata volutamente la bambina per il resto della sua vita? So per certo che le coppie gay con figli si chiudono a riccio nella propria comunità, e non potrebbe essere altrimenti. Si auto isolano e auto isolano i loro figli che difficilmente potrebbero adattarsi a vivere in una società normale. Basti pensare alla zona gay di San Francisco, praticamente un ghetto, certamente benestante ma pur sempre un ghetto.

Da tempo viviamo in una società completamente impazzita dove il proprio “io” si pone di fronte a tutti e a tutto, ma con le adozioni omosessuali abbiamo varcato qualsiasi limite di accettabilità, e direi pure di umanità. La crisi economica che stiamo vivendo in Occidente è ancor prima una crisi morale ed etica; se non si capisce questo non si è capito nulla. La casa brucia ma nessuno cerca di spegnere l’incendio. Nessuno accorre per limitare i danni, già cospicui e brutali, alla casa in fiamme.
No, le persone si limitano ad applaudire l’ovvio, si lasciano trasportare dal sentimentalismo e non ragionano, invece, sui danni che può causare un dato comportamento, soprattutto sui bambini che noi abbiamo il dovere e il diritto di proteggere. Un paese civile dovrebbe apportare qualsiasi modifica alle leggi per proteggere i bambini da questi arbitri ingiustificabili. Il benessere psico-fisico del bambino dovrebbe essere posto al di sopra di qualsiasi cosa, anche del desiderio egoistico da parte delle coppie gay di avere dei figli. Ma lo stesso potrebbe valere per donne e uomini single. La Costituzione lo dice chiaramente: il matrimonio è fondato dall’unione dell’uomo e della donna. E quindi di conseguenza anche i bambini possono essere allevati e cresciuti dagli stessi. Allora rispettiamola questa benedetta Costituzione che molti invocano solo quando gli fa comodo.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Curiosità varie, Politica, Società e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...