L’eterno signor no. Per chi nega l’evidenza

San Tommaso è sempre tra noi: se non vede con i suoi occhi non crede. Lo scettico, in ogni campo, deve spronare lo studioso a lavorare di più, a essere più chiaro possibile e a dimostrare con fatti inconfutabili il cambiamento, in atto, del surriscaldamento terrestre, o di qualsiasi altro problema legato all’ambiente: per esempio, lo sfruttamento eccessivo dell’acqua o degli allevamenti industriali intensivi. Fino all’ultima “piccola glaciazione” (1645-1750 d.C.) la CO2 presente in atmosfera era di 250 ppm (parti per milione) ed era rimasta praticamente inalterata  nei precedenti 10.000 mila anni. Oggi abbiamo superato la soglia di 400 ppm e continua ad aumentare con una cadenza di 2 o 3 ppm all’anno. Anche se fin da adesso fermassimo tutte le attività umane inquinanti, non riusciremmo comunque a bloccare il surriscaldamento terrestre in atto, ma potremmo solo limitare i danni in un prossimo futuro. Ebbene, l’anidride carbonica è iniziata ad aumentare in concomitanza con la prima Rivoluzione industriale. Questo è un fatto storico e scientifico. Come si può facilmente dimostrare, dati meteorologici alla mano, che nove dei dieci anni più caldi degli ultimi 150 anni, si sono verificati dopo il 1995. Il Polo nord si ritira sempre più e gli orsi bianchi cominciano, come è stato osservato, ad avvicinarsi alla terra, sia in Canada che in Alaska. Senza parlare dell’aumento dei disastri ambientali di qualsiasi tipo in ogni parte del mondo.

Eppure c’è chi continua a negare l’evidenza, nonostante tutte le prove dicano il contrario. Ma il fatto più grave in assoluto è la completa cecità dei politici che ci governano. Mi rifiuto di pensare che non ci sia un’altra strada a questo dissennato “sviluppo”, che non ci sia un’altra classe dirigente più lungimirante e attenta ai bisogni dell’uomo e dell’ambiente e che non ci sia, dulcis in fundo, una rivoluzione culturale e civile che spinga i cittadini a partecipare al miglioramento di tutta la società. Per fortuna, qualcosa si sta già muovendo da anni e dal basso (considerando la quasi totale inefficienza e balordaggine della politica nostrana). Se ci fosse un indirizzo politico forte e un piano energetico a lunga scadenza, le cose andrebbero molto meglio, non solo in Italia, ma in tutto il mondo.

Informazioni su emilianorizzo

Curioso delle cose del mondo e dell'universo.
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente, Economia, Geopolitica, Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...